sfratto-ufficiale-giudiziario.jpg

Di seguito pubblichiamo una breve descrizione sulla procedura esecutiva dello sfratto 

La procedura di sfratto, che si deve iniziare solo dopo la scadenza della data fissata per l’esecuzione dal Giudice che ha convalidato lo sfratto, si principia con la notifica di un atto di precetto unitamente al titolo esecutivo con il quale si invita il conduttore a rilasciare l’immobile entro 10 giorni, avvertendolo che in caso contrario si provvederà all’esecuzione forzata.

Successivamente alla notifica dell’atto di precetto, lo stesso ufficiale giudiziario constatata la regolarità del titolo esecutivo e della notifica del medesimo, nonchè del’atto di precetto, avverte il conduttore, con almeno 3 giorni di anticipo, che procederà all’accesso in loco per eseguire materialmente lo sfratto.

La procedura per l’esecuzione dello sfratto ha inizio con la notifica dell’avviso di sloggio ex artt. 608 e 611 c.p.c. da parte dell’ufficiale giudiziario.

Il conduttore può proporre opposizione agli atti esecutivi entro 5 giorni ex art 617 c.p.c. dalla notificazione del titolo esecutivo o del precetto.

La decisione del Giudice che definisca un procedimento instaurato ex art. 617 c.p.c. e che abbia confermato la regolarità del titolo esecutivo, è impugnabile solo con ricorso in Cassazione.

Vedi anche…..Sfratto per morosità: procedura

Vedi anche….La richiesta di ingiunzione nella procedura di sfratto

Vedi anche….Esecuzione per rilascio di immobile – rimborso spese

About these ads