prescrizionetempo.jpg

Anche se, in astratto, sussista la garanzia di stabilità del rapporto

Anna Maria L. ha lavorato per le Ferrovie dello Stato in un primo tempo, dal settembre 1985 al dicembre 1987, in base a una convenzione di appalto avente ad oggetto la prestazione del servizio di pulizia degli uffici e dei dormitori e successivamente, dal gennaio 1988 con inquadramento come dipendente per lo svolgimento delle stesse mansioni. Ella ha chiesto al Pretore di Roma nel maggio del 1995 di accertare che il rapporto di lavoro subordinato aveva avuto inizio nel settembre del 1985, per le concrete modalità di svolgimento dell’attività lavorativa con assoggettamento alle disposizioni dei superiori, e di condannare l’azienda al pagamento delle differenze di retribuzione dovutele sia per l’inadeguatezza dei compensi percepiti nel biennio iniziale, sia per gli effetti della maggiore anzianità sul trattamento economico nel periodo successivo. Il Pretore ha accolto le domande, condannando l’azienda al pagamento della somma di 17 milioni di lire oltre accessori. La decisione è stata confermata, in grado di appello, dal Tribunale di Roma. L’azienda ha proposto ricorso per cassazione, censurando la decisione del Tribunale romano per vizi di motivazione e violazione di legge; essa ha sostenuto, fra l’altro, che la subordinazione nel periodo iniziale doveva ritenersi esclusa per effetto della qualificazione data al rapporto dall’art. 26 L. n. 1236/59 concernente l’attività di “accudienza” e che comunque il Tribunale avrebbe dovuto ritenere estinti i crediti della lavoratrice per effetto del decorso della prescrizione quinquennale.
           
La Suprema Corte (Sezione Lavoro n. 14723 del 26 giugno 2007, Pres. Sciarelli, Rel. Balletti) ha rigettato il ricorso, richiamando la giurisprudenza della Corte Costituzionale (sentenza n. 121 del 1993 e n. 115 del 1994), secondo cui non è consentito al legislatore negare la qualificazione giuridica di rapporti di lavoro subordinato a rapporti che oggettivamente abbiamo tale natura, ove da ciò derivi l’inapplicabilità delle norme inderogabili previste dall’ordinamento per dare attuazione ai principi, alle garanzie e ai diritti dettati dalla Costituzione a tutela del lavoro subordinato.
           
La Suprema Corte ha ritenuto privi di fondamento anche i rilievi concernenti il mancato accoglimento dell’eccezione di prescrizione. In proposito l’azienda sosteneva che, trattandosi di rapporto di lavoro con garanzia di stabilità, la prescrizione aveva cominciato a decorrere dal settembre 1985. Ai fini dell’individuazione del regime di prescrizione applicabile ai crediti retributivi – ha affermato la Corte – il presupposto della stabilità reale del rapporto di lavoro deve essere verificato in relazione al concreto atteggiarsi del rapporto stesso ed alla configurazione che di esso danno le parti nell’attualità del suo svolgimento (dipendendo da ciò l’esistenza, o meno della effettiva situazione psicologica di metus del lavoratore) e non già alla stregua della diversa normativa garantistica che avrebbe dovuto in astratto regolare il rapporto ove questo fosse sorto con le modalità e la disciplina che il giudice, con un giudizio necessariamente ex post, riconosce applicabili nella specie, con effetto retroattivo per il lavoratore. Il Tribunale di Roma – ha osservato la Cassazione – nella sentenza impugnata, ha applicato tale principio – rilevando esattamente che il termine di prescrizione dei crediti non poteva decorrere se non dal momento in cui il rapporto era stato regolarizzato e, cioè, dal 1.1.1987, come dedotto già in sede di ricorso di primo grado, sicché la prescrizione è stata interrotta dapprima con lettera del 17 maggio 1988, ricevuta il 31 maggio 1988, e poi con ulteriore lettera del 24 settembre 1991, ricevuta il 21 ottobre 1991 per cui, alla data di notifica del ricorso introduttivo del giudizio (29 maggio 1995), non si era ancora consumato il termine quinquennale (art. 2948, n. 4 cod. civ.).
 Da Legge e giustizia La notizia qui          

Annunci