riforma-iva.jpg

Legge n. 244 del 24.12.2007

La Finanziaria 2008 ha introdotto numerose modifiche in tema di IVA, per lo più dovute al maxi-emendamento presentato dal Governo dopo la prima approvazione da parte del Senato.

Nel testo originario, infatti, le uniche novità riguardavano il regime dei contribuenti minimi (e la contestuale soppressione del regime di franchigia), le disposizioni restrittive sulla liquidazione IVA di gruppo e la possibilità per le agenzie di viaggio di applicare normalmente l’imposta per prestazioni connesse ai convegni e congressi, evitando il ricorso al regime speciale.

Il testo definitivamente approvato, invece, interviene molto più incisivamente nella disciplina IVA percorrendo i seguenti indirizzi:
1) riordino del reverse charge nel settore edile, ampliando i casi di inversione contabile nelle vendite imponibili di immobili strumentali e ripristinando il regime normale per le prestazioni di servizi rese nei confronti dei “general contractors”;
2) introduzione di un impianto sanzionatorio relativo al regime IVA del reverse-charge rispondente a criteri di coerenza sistematica con il complesso delle disposizioni che disciplinano le sanzioni tributarie;
3) modifica delle detrazioni IVA su automobili e telefonini in modo da rendere la disciplina nazionale conforme alla normativa comunitaria ed evitare le procedure di infrazione avviate dalla Commissione europea;
4) prevenzione di comportamenti che comportano un abuso del diritto alla detrazione in modo da evitare che il contribuente eserciti tale diritto per l’IVA relativa all’acquisto di beni e servizi, poi messi a disposizione di parti correlate o del proprio personale dipendente a prezzi irrisori o comunque non in linea con il valore di mercato.
Non tutte le novità entreranno in vigore il 1° gennaio 2008. Per alcune, infatti è previsto una decorrenza differita, mentre per altre si attendono provvedimenti ministeriali di attuazione o l’autorizzazione degli organi comunitari.

PER SAPERNE DI PIU

Da Il Sole 24 Ore  la notizia qui