larovatori-in-nero-condono.jpg

Il condono sul lavoro nero riapre… i battenti. I datori di lavoro avranno tempo fino al 30 settembre per regolarizzare i rapporti di lavoro sommersi, cioè non risultanti da scritture o altra documentazione obbligatoria.

Infine, finisce in soffitta il Cless (comitato per l’emersione del lavoro nero). Si riapre la “finestra temporale” per far emergere i rapporti di lavoro in nero. Basta un’assunzione, anche a termine, di durata non inferiore a due anni e il pagamento di un ridotto onere contributivo, anche a rate, per regolarizzare i lavoratori in nero (tali fino al 30 settembre 2008) e vedere di colpo cancellare ogni reato in materia di lavoro e previdenza, con amnistia di quelli penali.

La nuova scadenza è fissata al 30 settembre 2008, data entro cui vanno presentate le richieste all’Inps. La sanatoria, secondo l’Inps, rappresenta una sorta di “finestra temporale”, da intendersi riferita all’arco di tempo che va dall’1 gennaio al 30 settembre 2008, col fine di far emergere i rapporti di lavoro subordinato in nero e, dunque, non assoggettati alle assicurazioni sociali, concedendo incentivi ai datori di lavoro che provvedono alla regolarizzazione.

L’opportunità riguarda tutti i datori di lavoro senza ulteriori requisiti. Quindi qualsiasi soggetto che riveste tale qualifica, inclusi professionisti e datori di lavoro domestico.

Da Tutti Assunti   la notizia qui

Annunci