Il permesso degli invalidi per le Ztl può essere usato in tutta Italia venerdì, Gen 18 2008 

pass-handy.jpg

Permesso degli invalidi senza limiti: può essere usato nelle zone a traffico limitato di tutta italia e in quelle pedonali a prescindere dal comune nel quale è stato rilasciato.

Sentenza della Corte di Cassazione n. 719 del 16 gennaio 2008.

Da Cassazione.net   la notizia qui

Annunci

Immigrati, burocrazia in tilt un milione di permessi fermi venerdì, Gen 18 2008 

burocrazia-immigrazione.jpg

Documenti consegnati solo a 370 mila stranieri: le questure a rischio collasso. Il sottosegretario Lucidi: situazione inaccettabile, subito la nuova legge permessi

ROMA – Un milione di pratiche ferme. Un milione di immigrati regolari in attesa dei loro documenti. Il rinnovo dei permessi di soggiorno è “costoso e zoppicante”, aveva ammesso il ministro dell’Interno, Giuliano Amato. E infatti le questure adesso rischiano il collasso. Al 9 gennaio scorso, i dati fotografano una situazione drammatica: corrono le richieste (1.310.072), arrancano le risposte (372.569 i permessi elettronici attivati). Eppure la direttiva del 5 agosto 2006, prevedeva “un termine di 20 giorni dalla data di presentazione della domanda di rinnovo, per la definizione del relativo procedimento da parte dell’autorità competente”. Le cose però sono andate ben diversamente.

Il permesso di soggiorno è il documento-chiave degli immigrati: senza, si sprofonda nell’illegalità. Ha una scadenza e va rinnovato. Quanto dura? Fino a sei mesi per lavoro stagionale, fino a un anno per studio o formazione professionale, fino a due anni per lavoro autonomo, subordinato e per ricongiungimento familiare.

Che il sistema del rilascio e del rinnovo dei permessi di soggiorno non funzioni è sotto gli occhi di tutti. Entrata in vigore l’11 dicembre del 2006, la convenzione tra Poste e Viminale (voluta dal precedente governo Berlusconi) ha finora prodotto due risultati certi: l’allungarsi dei tempi e l’aumento dei costi dei permessi (72,12 euro a persona, per la precisione, prima erano invece pochi spiccioli). Anche per questo, la nuova legge sull’immigrazione all’esame della Camera (la Amato-Ferrero) prevede il progressivo passaggio di competenze dalle Poste ai comuni, oltre a una maggiore durata dei permessi di soggiorno.

“È una situazione inaccettabile: riceviamo 20mila domande a settimana – spiega Marcella Lucidi, sottosegretario all’Interno – la durata dei permessi è troppo breve e l’approvazione della nuova legge diventa urgente”. Dal ministero dell’Interno fanno poi sapere che “con Poste e Anci stiamo lavorando su due fronti: anticipare la sperimentazione del rilascio del permesso in alcuni comuni e velocizzare l’iter della procedura con Poste”…[continua…]

Da La Repubblica   la notizia qui