u25071665.jpg

Il cliente può lamentarsi anche per iscritto del suo avvocato, purchè le critiche abbiano un fondamento di verità. Altrimenti si rischia una condanna per diffamazione.

Sentenza della Corte di Cassazione n. 13089 del 27 marzo 2008.

Da Cassazione.net   la notizia qui

Annunci