Il consorzio appaltatore di lavori pubblici risponde dei debiti delle ditte consorziate verso il loro dipendenti giovedì, Apr 3 2008 

284501sdc.jpg

IL CONSORZIO APPALTATORE DI LAVORI PUBBLICI RISPONDE DEI DEBITI DELLE DITTE CONSORZIATE VERSO I LORO DIPENDENTI – In base all’art. 1676 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 6208 del 7 marzo 2008, Pres. Ciciretti, Rel. Bandini).

Il Comune di S. Marco d’Alunzio ha dato in appalto l’esecuzione di alcuni lavori di restauro al Consorzio Artigiano Edile di Comiso, società cooperativa a r. l.

Il Consorzio ha a sua volta assegnato una parte dei lavori a una delle imprese consorziate, la ditta C.. I dipendenti di quest’ultima, non avendo ricevuto il pagamento della retribuzione, hanno agito, per il soddisfacimento del loro credito, davanti al Tribunale di Patti, anche nei confronti del Consorzio e del Comune in base all’art. 1676 cod. civ. secondo cui: “coloro che, alle dipendenze dell’appaltatrice hanno dato la loro attività per eseguire l’opera o per prestare il servizio possono proporre azione diretta contro il committente per conseguire quanto è loro dovuto, fino alla concorrenza del debito che il committente ha verso l’appaltatore nel tempo in cui essi propongono la domanda”…[continua…]

Da Legge e Giustizia   la notizia qui

Annunci

La violenza sessuale commessa sul luogo di lavoro è idonea a creare danno non solo alla vittima ma anche al sindacato giovedì, Apr 3 2008 

ispc072030.jpg

(Cassazione, sezione III penale, sentenza del 7.02.08, n. 12738 – Cesira Cruciani)

Con una interessante decisione, in una fattispecie di violenza sessuale consumata dal superiore gerarchico nei confronti di una dipendente, la Corte di Cassazione con la sentenza del 7 febbraio 2008, sezione II penale, n° 12738, ha avuto modo di soffermarsi sul rapporto esistente tra la legitimatio ad causam di un’organizzazione sindacale rappresentativa degli interessi della lavoratrice iscritta (nella specie, il Siulp uno dei sindacati della Polizia di Stato) e il reato di violenza sessuale ai danni di quest’ultima commesso, enunciando alcuni significativi principi…[continua…]

Da La Previdenza   la notizia qui

Sulle attività stragiudiziali praticante responsabile giovedì, Apr 3 2008 

bld040311.jpg

Il praticante avvocato risponde personalmente delle attività stragiudiziali che cura da solo. Non può chiamare in causa il dominus dello studio.

Sentenza della Corte di Cassazione n. 8445 del 31 marzo 2008.

Da Cassazione.net   la notizia qui