Sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del c.c.n.l. poligrafici lunedì, Apr 7 2008 

Accordo del 4.4.2008

Il 4 aprile 2008 la FIEG, l’ASIG e le organizzazioni sindacali dei lavoratori (SLC-CGIL, FISTEL-CISL e UILCOM-UIL) hanno sottoscritto l’accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti di giornali quotidiani ed agenzie di stampa scaduto il 31 dicembre 2007.

Il contratto decorre dal 1° marzo 2008 e scade il 29 febbraio 2012 per la parte normativa e il 30 giugno 2010 per quella economica.

L’accordo prevede un aumento economico per il livello 6 di 120 euro a regime da erogarsi in tre “tranches”, la prima unitamente alla retribuzione del mese di marzo 2008 e le altre con le retribuzioni del mese di aprile e dicembre 2009…[continua…]

Da Il Sole 24 Ore    la notizia qui

Ai genitori vanno anche i danni del probabile contributo economico alla famiglia lunedì, Apr 7 2008 

 

Va risarcita la famiglia del minore che rimane gravemente ferito in un incidente stradale anche per il probabile contributo economico che il ragazzo, una volta adulto, avrebbe dato alla famiglia. Ciò anche se al momento dell’incidente le entrate erano sufficienti per tutti.

Sentenza della Corte di Cassazione n. 8546 del 3 aprile 2008

Da Cassazione.net    la notizia qui

 

L’illecito contrattuale sanitario da utilizzo di medici specializzandi – Risarcimento del danno morale da eccessiva attesa della prestazione sanitaria lunedì, Apr 7 2008 

(Corte Suprema di Cassazione – Caso Di Fresco – n. 2933 del 07 febbraio 2008)

“Tratto da una esperienza personale”..
La notizia è veramente grave se si pensa che la totalità dei policlinici e dei nosocomi (che ospitano i medici specializzandi) sono illegali perché utilizzano per le proprie attività sanitarie, anziché i medici strutturati, gli specializzandi e cioè medici (generici) che frequentano un corso di specializzazione. In alcuni casi gli specializzandi hanno eseguito prestazioni specialistiche quali interventi chirurgici, visite, prescrizioni farmacologiche, ecc. senza neppure essere iscritti all’albo dell’Ordine dei Medici.

Il contenzioso ha avuto inizio quando mi sono sottoposto ad una ecocardiografia, mia moglie ad una visita ginecologica e mio figlio ad una visita dermatologica.

Nel caso di mia moglie la lamentela nasce dalla violazione dei principi di correttezza e buona fede ex artt. 1175 e 1375 C.C. che imponevano al medico di chiamare le pazienti per la visita, tenendo conto dell’ordine di arrivo delle medesime…[continua…]

Da La Previdenza    la notizia qui