Deve essere consegnato dall’appellante (Cassazione Sezione Lavoro n. 7307 del 18 marzo 2008, Pres. Mattone, Rel. Bandini).

Nel processo del lavoro il ricorso in appello deve essere depositato in cancelleria. L’appello deve essere dichiarato inammissibile ove il ricorso sia stato spedito per posta, anche se esso sia pervenuto alla cancelleria nel termine stabilito per l’impugnazione. La consegna dell’atto al cancelliere da parte del soggetto legittimato è prevista dall’ordinamento in relazione alla funzione propria del cancelliere di ricezione degli atti diretti al giudice e dei connessi obblighi di certificazione e controllo sulla regolarità dell’inadempimento.

Non è applicabile in via analogica l’art. 134 disposizioni di attuazione del codice di procedura civile secondo cui il ricorso per cassazione può essere depositato a mezzo posta. Tale norma ha natura eccezionale conseguente alle particolari esigenze del giudizio di legittimità, devoluto ad un organo centralizzato rispetto alle pronunce rese nell’intero territorio nazionale.

Da Legge e Giustizia   la notizia qui

Annunci