Precari, appello-choc di una donna napoletana al capo dello Stato
“Caro presidente pochi soldi per un figlio, la ragione prevale sul cuore”

ABORTIRE perché non bastano i soldi. Non perché il bambino è gravemente malformato, non perché si è vittime di uno stupro, non perché si è sole senza un uomo accanto. Sandra (nome di fantasia) a 29 anni non se la sente, non ce la fa a diventare mamma: il motivo è che il suo è un lavoro precario, la sua esistenza è precaria, precari sono i suoi orizzonti. Ha fatto i conti e con sgomento ha deciso: un figlio è un lusso che non può permettersi.

E così ha scritto un appello al presidente Napolitano cui ha dato un titolo terribile: “Necrologio di un bimbo che è ancora nella mia pancia”. Scoprirsi incinta le ha procurato “un’emozione bruciante, una felicità incontenibile”, ma ben presto “la ragione ha preso il posto del cuore”. Scrive nella lettera-appello che sta per inoltrare al Quirinale e che ha spedito al nostro giornale: “Presidente, ora devo scegliere se essere egoista e portare a termine la mia gravidanza sapendo di non poter garantire al mio piccolo neppure la mera sopravvivenza, oppure andare su quel lettino d’ospedale e lasciare che qualcuno risucchi il mio cuore spezzato dal mio utero sanguinante, dicendo addio a questo figlio che se ne andrà per sempre”…[continua…]

Da La Repubblica   la notizia qui

Annunci