La sentenza della Cassazione, n. 9725 dell’11 aprile 2008 ha ad oggetto l’applicazione dell’art. 203 c.p.c. (disciplinante l’assunzione dei mezzi di prova fuori dalla circoscrizione del tribunale) dinanzi al giudice di pace.

L’art. 203 c.p.c. stabilisce che: “1. Se i mezzi di prova debbono assumersi fuori della circoscrizione del tribunale, il giudice istruttore delega a procedervi il giudice istruttore del luogo, salvo che le parti richiedano concordemente e il presidente del tribunale consente che vi si trasferisca il giudice stesso. 2. Nell’ordinanza di delega al pretore, il giudice fissa il termine entro il quale la prova deve assumersi e l’udienza di comparizione delle parti per la prosecuzione del giudizio. 3.

Il giudice delegato, su istanza della parte interessata, procede all’assunzione del mezzo di prova e d’ufficio ne rimette il processo verbale al giudice delegante prima dell’udienza fissata per la prosecuzione del giudizio, anche se l’assunzione non è esaurita. 4. Le parti possono rivolgere al giudice delegante, direttamente o a mezzo del pretore delegato, istanza per la proroga del termine”…[continua…]

Da Filodiritto    la notizia qui

Annunci