La Corte di Giustizia così si è pronunciata sulle domande di pronuncia pregiudiziale in merito all’interpretazione dell’art. 30, n. 4, della direttiva del Consiglio 14 giugno 1993, 93/37/CEE, che coordina le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, come modificata dalla direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 13 ottobre 1997, 97/52/CE, e dei principi fondamentali del diritto comunitario in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici….[continua…]

Da Filodiritto    la notizia qui

Annunci