Dopo sei mesi 700mila domande inevase. Il 60% riguarda le collaboratrici domestiche
“Flop burocratico, responsabilità da dividere tra Viminale e Farnesina”

ROMA – Una montagna di pratiche ferme. Settecentomila domande in attesa di una risposta. Sono quelle di chi aspetta da mesi di mettere in regola un immigrato. È la gara del decreto flussi, ma la chiamano “lotteria delle quote”: finora, solo uno su cento ce l’ha fatta. La corsa a un posto da regolare coinvolge ogni anno migliaia di immigrati invisibili. Nel 2007, il decreto ha messo in palio 170mila posti. Come è finita? A sei mesi dalla presentazione delle oltre 740mila domande d’assunzione, meno di 8mila sono i visti d’ingresso rilasciati: circa l’1%. Una débacle burocratica, che chiama in causa ministero dell’Interno e degli Esteri.

Un passo indietro: col decreto flussi, l’Italia fissa annualmente il tetto massimo (le “quote”) di cittadini extracomunitari, che possono entrare nel Paese per motivi di lavoro subordinato o autonomo. Questo sulla carta. In realtà le cose vanno ben diversamente: il decreto è l’unica chance per mettere in regola chi già si trova in Italia. Come? Si presenta domanda d’assunzione, si spera di rientrare nelle quote, si esce dal Paese col nulla osta e si ritorna col visto d’ingresso. È un sistema di porte girevoli: esci clandestino, rientri regolare. Ma solo a pochi fortunati il gioco riesce…[continua…]

Da Repubblica   la notizia qui

Annunci