Cass. Sez. lavoro sentenza n. 6436/08

La Cassazione ha stabilito che in sede di indennizzo per danni derivanti da emotrasfusioni (Legge 210/92) non può essere riconosciuta lecita la richiesta di un risarcimento per il ritardo nella corresponsione della prestazione, ulteriore rispetto a quello già attribuito a titolo di rivalutazione dell’indennizzo e degli interessi.

Infatti: “il danno non patrimoniale deve essere risarcito non solo nei casi previsti dalla legge ordinaria, ma anche nei casi di lesione di valori della persona umana costituzionalmente protetti (come la salute, la famiglia, la reputazione, la libertà di pensiero)” e che “nel caso di specie, il beneficio in questione riguarda peraltro una prestazione di natura assistenziale, posta a carico dello Stato in ragione del dovere di solidarietà sociale, e che non ha quindi natura risarcitoria, nè può essere qualificata, per la sua funzione, come strumento direttamente rivolto alla garanzia del diritto alla salute”.

Da Saranno Avvocati   la notizia qui

Annunci