MILANO– I giudici della Corte d’appello civile di Milano hanno autorizzato il padre di Eluana Englaro, in qualità di tutore, ad interrompere il trattamento di idratazione ed alimentazione forzato che da sedici anni tiene in vita la figlia, vittima di un incidente stradale nel 1992. E’ dal 1999 che il padre della ragazza, Beppino Englaro, chiede la sospensione del trattamento.

Da La Repubblica   la notizia qui

Annunci