ie034-020Cass. VI sez. pen. sentenza n. 405677/08

La Corte di Cassazione ha stabilito che è lecito scattare delle foto di nascosto alla moglie e al suo amante nel cortile di casa. Il cortile, anche se appartiene a un luogo di privata dimora, non rientra nella tutela delle norme sulla privacy a condizione che sia liberamente visibile dagli estranei.

Le fotografie da parte di terzi ledono la riservatezza della vita privata solo se vengono ripresi comportamenti sottratti alla normale osservazione dall’esterno. La tutela del domicilio è limitata a ciò che si compie in luoghi di privata dimora tendenzialmente non visibili a terzi.

Da Saranno Avvocati  la notizia qui

Annunci