contributi_riscatto_laurea1

Grazie alla recente riforma delle pensioni, tutti i laureati possono riscattare gli anni effettivi di durata del corso anche se non si è ancora trovato un lavoro.

La riforma, infatti, permette di riscattare gli anni di laurea versando i contributi all’INPS che, successivamente, provvederà a destinarli all’ente di previdenza cui il futuro lavoratore sarà iscritto, ad esempio l’Inarcassa se il laureato è un ingegnere o un architetto…[continua…]

Da Vostri Soldi   la notizia qui

Annunci