ac7aehdca8bctg3cacn02sbcaoistnscahwg3m0cat469qbca84nukfcaxvog27cakhaqv6ca63sg6vcalmnu47cac4m0b7ca9zuo09ca47tvz4ca4739pxcacf93f2catsbb6jcav43sflca0q09vx

Cass. Sez. civ. Sentenza n. 1343/09.

La Corte di Cassazione ha affermato che anche il diritto al lavoro della casalinga deve essere tutelato e, per questo, in caso di infortunio per incidente stradale vanno risarciti tutti i danni, patrimoniali e non patrimoniali.

Infatti per la Corte: “il danno non patrimoniale va risarcito non solo nei casi previsti dalla legge, ma anche nei casi di lesione dei valori della persona umana costituzionalmente protetti, specie se il danno è inerente alla perdita rilevante della capacità lavorativa per la riduzione funzionale della deambulazione”.

Inoltre: “il principio che consente di risarcire un danno futuro ed incerto dev’essere individuato nel diritto delle vittime al risarcimento totale dei danni, patrimoniali e non patrimoniali, conseguenti alla lesione dei diritti umani fondamentali, tra cui la salute e il diritto al lavoro, che compete anche alla casalinga”.

Da Saranno Avvocati  la notizia qui

Annunci