aw05lr7caqb7rn1caqgw7fscagduwwxcad14qzgcaqylq3rcak8bb6kcapgt813cadwnucdcas75z85cakjlvvscahab515caui1xq6ca419d42carpm473caksmpzqcablhrlwca87bzjucacy80oy1

Un debito di 5mila euro e la casa pignorata: non sarebbe un’ipotesi, ma un rischio reale secondo quanto denuncia il Codacons.

In base al decreto anti-crisi, chi è indebitato per questa cifra correrebbe il pericolo di vedersi pignorare la casa e di esserne espropriato, senza una preventiva iscrizione di ipoteca.

In pratica la “misura” massima del debito viene raggiunta quando il credito arriva al 5% del valore dell’immobile.

Insomma, si rischierebbe di vedersi pignorare la casa con debiti di 5mila euro o poco più, anche quando il credito da riscuotere non supera il 5% del valore dell’immobile da vendere all’asta. Sarebbe questo il pericolo dei cittadini alle prese con il fisco dopo le novità introdotte dal decreto anticrisi.

L’allarme è stato lanciato dal Codacons, che denuncia come, in un articolo del decreto legge (l’articolo 32), si riduce infatti da 8mila a 5mila euro il limite di importo al di sotto del quale l’agente di riscossione non può procedere all’espropriazione immobiliare, “consentendo di avviare direttamente l’espropriazione (senza preventiva iscrizione di ipoteca) anche quando il credito da riscuotere non supera il 5% del valore dell’immobile da vendere all’asta”…[continua…]

Da Recuperare Credito   la notizia qui

Annunci