omolog2

Risponde di bancarotta il factotum di una società quando, anche senza incarico ufficiale, esercita in via di fatto le funzioni di amministratore che nello statuto risultano appartenere ad altro soggetto. E’ quanto stabilito dalla quinta sezione penale della Corte di Cassazione nella sentenza n. 7044 del 18 febbraio scorso.

“Nei reati di bancarotta in ambito societario, soggetto attivo può essere anche colui che svolga in via di mero fatto, come nella specie le funzioni di amministratore, poiché le fattispecie legali non introducono alcuna distinzione tra ruolo corrispondente ad una carica formale ed analoga funzione esercitata in via di fatto.

(Cass., sez. V, 05 giugno 2003, n. 36630).
E tale funzione può ricavarsi dall’inserimento del soggetto, in qualsiasi momento dell'”iter” di organizzazione, produzione e commercializzazione dei beni e servizi (Cass. sez. I, 12 maggio 2006, n. 18464).”…[continua…]

Da Il Sole 24 Ore   la notizia qui

Annunci