images11111111111111111111uyu

Non si salva dalla condanna per abbandono di minore il genitore nomade che ritiene il figlio in grado di badare a se’ stesso girando per le strade delle città in compagnia di coetanei della sua stessa etnia.

Lo afferma la Quinta sezione penale della Cassazione con la sentenza 9276.

Secondo i supremi giudici le abitudini familiari assorbite dal minore non lo salvaguardano dai rischi che corre nel trovarsi in un ambiente esterno “governato da diversi costumi”.

Per il padre in questione – rintracciato dopo che il figlio di sette anni era stato fermato dalla polizia per aver rubato un cellulare – è diventata definitiva la condanna a sette mesi di reclusione.

Da Cassazione.net   la notizia qui

Annunci