ap6prv7ca1dw48mca8tziuxcaz3xjmecaq2hb81caaq23bxcalm89dgcaxvk14ncaf3ycd3ca4dctg8caud5kwuca30kr8pcazyrgc9ca7hdl1lcaaq1jd1caq789wfcay1vp3bca84wtixcatiytbw

Cass. II sez. Civ. Sentenza n. 9888/09

La Corte di Cassazione ha stabilito che “occorre, infatti, considerare che il rilievo, del tutto fondato, dell’indeterminatezza dell’addebito appare assorbente rispetto ad ogni altra questione.

Infatti, nel caso in questione la contestazione era stata effettuata con riferimento all’avvenuto superamento dell’incrocio regolato da semaforo con luce rossa o con quella gialla, essendo evidente che si tratta di due fattispecie del tutto diverse e potendo il passaggio con luce gialla, ai sensi dell’articolo 41 decimo comma del Codice della Strada, risultare non sempre vietato.

Occorre, altresì, osservare che il passaggio avvenuto ai sensi di quest’ultima disposizione costituisce eccezione alla regola imponente negli altri casi l’arresto anche con luce gialla, ma la contestazione risultava comunque generica in quanto formulante due ipotesi alternative, delle quali l’una escludeva l’altra. Si è di fronte quindi a due ipotesi di contestazione del tutto diverse, ancorché accomunate dallo stesso trattamento sanzionatorio di cui all’articolo 146, terzo comma, Codice della Strada”.

Da Saranno Avvocati   la notizia qui

Annunci