imagesvvvvvvvvvvvvvvvvvvv

La Corte di Cassazione con Sentenza n. 18998 del 6 Maggio 2009 ha stabilito che i lavoratori autonomi devono avere le stesse garanzie dei dipendenti su informazioni, protezione, controlli e direttive dei superiori.

La Corte ha stabilito, infatti, che il repsonsabile per la sicurezza sul lavoro ha il compito di interpretare, in via prevedibile, il comportamento altrui.

Ciò significa che egli non può appellarsi alla legittima aspettativa che non si verifichino condotte imprudenti da parte dei lavoratori, non solo perché si tratta di un comportamento omissivo illecito, ma anche perchè egli è responsabile della mancata attività diretta ad evitare l’evento, avendo la possibilità concreta di impedirlo.

Si parla, in quasto caso, di “doppio aspetto della colpa”, per il quale si risponde sia per colpa diretta che per colpa indiretta, quando l’incidente dipende dal comportamento del responsabile, che invoca come discriminante la responsabilità altrui…[continua…]

Da Studio Ciocioni  la notizia qui

Annunci