Stretta sui fannulloni, fino a 5 anni di carcere per certificato medico falso mercoledì, Mag 20 2009 

ddddddddddddddddddd

Multa fino a 1.600 euro, anche per il medico che concorre al fatto.

ROMA – In carcere per un certificato medico falso. Lo rischiano i dipendenti pubblici alla luce del decreto legislativo pubblicato su Internet sulla «ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico».

CINQUE ANNI – La stretta sui fannulloni e sui dipendenti pubblici scorretti – la cosiddetta «rivoluzione Brunetta» – prevede dunque come punizione anche il carcere: per le false attestazioni o certificazioni si fa riferimento a una sanzione anche penale che può arrivare alla «reclusione da uno a cinque anni» oltre alla «multa da 400 a 1.600 euro».

La medesima sanzione è prevista anche per il medico che concorre al falso.

Da Il Corriere Della Sera    la notizia qui

Annunci

Multato il pedone che non attraversa sulle strisce mercoledì, Mag 20 2009 

A9WTH7PCA00MD9LCA49VDT3CA2WL74CCA348ZZHCA1OGJFDCA3QBFP8CAPOAO2YCAP0AUUOCAZ95MYHCA7FY2KHCA677JFHCAS1JX67CAI1WEAPCA8T0KINCA3UNJDZCA8IOTB4CASWJLYWCADJ0DEM

su ItaliaOggi del 20/05/2009

Può essere multato il pedone che non attraversa sulle strisce “se queste sono poste a meno di 100 metri di distanza” da lui.

È quanto si evince dalla sentenza della Corte di cassazione n. 11421 del 18 maggio 2009 e con la quale è stata confermata la sanzione amministrativa nei confronti di un pedone che, per le vie di Massa, era stato investito fuori dalle strisce pedonali.

Contro il verbale lui aveva fatto ricorso al giudice di pace ma aveva perso. Il magistrato aveva infatti confermato la multa anche se nel verbale non era stata espressamente indicato l’articolo 190 del codice della strada e cioè la norma violata..[continua…]

Da Italia Oggi    la notizia qui

Ingressi aziendali, massima tutela per il lavoratore infortunato mercoledì, Mag 20 2009 

images

Sugli ingressi aziendali massima tutela ai lavoratori. Vanno infatti risarciti se si fanno male entrando dalla parte più pericolosa.

Questa scelta, afferma la Cassazione con la sentenza n. 11417 del 18 maggio 2009, non rientra nel rischio elettivo del dipendente che è invece un’azione irragionevole, e come tale preclude il risarcimento per l’infortunio in itinere.

Da Cassazione.net   la notizia qui