ddddddddddddddddddd

Multa fino a 1.600 euro, anche per il medico che concorre al fatto.

ROMA – In carcere per un certificato medico falso. Lo rischiano i dipendenti pubblici alla luce del decreto legislativo pubblicato su Internet sulla «ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico».

CINQUE ANNI – La stretta sui fannulloni e sui dipendenti pubblici scorretti – la cosiddetta «rivoluzione Brunetta» – prevede dunque come punizione anche il carcere: per le false attestazioni o certificazioni si fa riferimento a una sanzione anche penale che può arrivare alla «reclusione da uno a cinque anni» oltre alla «multa da 400 a 1.600 euro».

La medesima sanzione è prevista anche per il medico che concorre al falso.

Da Il Corriere Della Sera    la notizia qui

Annunci