La dolce morte adesso è benedetta giovedì, Mag 21 2009 

crocifisso01g

In Svizzera il testamento biologico diventa legge. E la Chiesa non si oppone

FABIO POLETTI
BERNA

Un secolo fa in Svizzera era consentito aiutare chi voleva suicidarsi per motivi di onore. Un secolo dopo, discutere sul diritto alla vita e alla propria morte, non scandalizza più nessuno.

E’ una consuetudine. E’ diventata una legge che all’articolo 370 del codice civile appena riformato, stabilisce: «Chi è capace di discernimento, può designare i provvedimenti medici ai quali accetta o rifiuta di essere sottoposto nel caso in cui divenga incapace di discernimento». In Italia, se ci fosse, si chiamerebbe testamento biologico…[continua…]

Da La Stampa   la notizia qui

Annunci

Rischia una condanna per peculato il dipedente pubblico che abusa del telefono dell’ufficio giovedì, Mag 21 2009 

imagesvvvvvvvvvvvvv

Può essere condannato per peculato il dipendente pubblico che abusa dell’utenza telefonica a sua disposizione per chiamate private.

Sono ammesse soltanto telefonate fatte per “costringenti e rilevanti esigenze personali”.

Lo ha ribadito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 21165 del 20 maggio, ha spiegato come il reato di peculato possa configurarsi solo nei confronti di un dipendente pubblico perchè la norma punisce il pubblico ufficiale che si appropria di denaro “in ragione del suo ufficio”…[continua…]

Da Cassazione.net   la notizia qui

Le conclusioni della sentenza di Milano sul caso Mills giovedì, Mag 21 2009 

imagesoooooooooooooooooo

L’avvocato inglese condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione.

Tribunale di Milano 19.5.2009.

“Considerata in tutte le sue sfaccettature la condotta processuale mantenuta, non possono concedersi le circostanze attenuanti generiche. Si impone pertanto l’adozione di una pena non appiattita sul minimo edittale”: con queste parole il Tribunale di Milano ha condannato l’avvocato inglese David Mills a 4 anni e sei di reclusione.

Secondo i giudici milanesi, la cui sentenza di motivazione di quasi 400 pagine è stata depositata ieri, Mills “mentì per salvare Berlusconi”.
Mills – si legge ancora nel documento – “ha agito certamente da falso testimone da un lato per consentire a Silvio Berlusconi e al gruppo Fininvest l’impunità dalle accuse, o, almeno, il mantenimento degli ingenti profitti realizzati attraverso il compimento delle operazioni societarie e finanziarie illecite compiute sino a quella data, dall’altro ha contemporaneamente perseguito il proprio ingente vantaggio economico”.

I giudici milanesi ricordano che oltre ai 600mila dollari ritenuti “il prezzo della corruzione”, Mills nel 1996 percepiva direttamente da Berlusconi almeno 45mila sterline dichiarate al fisco inglese. “Enormi somme di denaro, estranee alle sue parcelle professionali” che il legale riceveva da Berlusconi.
Il testo pubblicato è quello delle considerazioni conclusive e della decisione della lunga e complessa sentenza….[continua]

Da Cittadino Lex   la notizia qui

Si al risarcimento per il patema d’animo subito per esposizione ad ambiente inquinato giovedì, Mag 21 2009 

images

Cass. III sez. civ. sentenza n. 11059/09.

La Corte di Cassazione ha affermato che è giusto riconoscere il “danno non patrimoniale” per il “patema d’animo indotto in ognuno dalla preoccupazione per il proprio stato di salute”.

Infatti, “è del tutto conforme a diritto dove afferma che il danno non patrimoniale consistente nel patema d’animo e nella sofferenza interna buon può essere provato per presunzioni e che la prova per inferenza induttiva non postula che il fatto ignoto da dimostrare sia l’unico riflesso possibile di un fatto noto, essendo sufficiente la rilevante probabilita’ del determinarsi dell’uno in dipendenza del verificarsi dell’altro secondo criteri di regolarità causale”.

Da Saranno Avvocati   la notizia qui