imagesoooooooooooooooooo

L’avvocato inglese condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione.

Tribunale di Milano 19.5.2009.

“Considerata in tutte le sue sfaccettature la condotta processuale mantenuta, non possono concedersi le circostanze attenuanti generiche. Si impone pertanto l’adozione di una pena non appiattita sul minimo edittale”: con queste parole il Tribunale di Milano ha condannato l’avvocato inglese David Mills a 4 anni e sei di reclusione.

Secondo i giudici milanesi, la cui sentenza di motivazione di quasi 400 pagine è stata depositata ieri, Mills “mentì per salvare Berlusconi”.
Mills – si legge ancora nel documento – “ha agito certamente da falso testimone da un lato per consentire a Silvio Berlusconi e al gruppo Fininvest l’impunità dalle accuse, o, almeno, il mantenimento degli ingenti profitti realizzati attraverso il compimento delle operazioni societarie e finanziarie illecite compiute sino a quella data, dall’altro ha contemporaneamente perseguito il proprio ingente vantaggio economico”.

I giudici milanesi ricordano che oltre ai 600mila dollari ritenuti “il prezzo della corruzione”, Mills nel 1996 percepiva direttamente da Berlusconi almeno 45mila sterline dichiarate al fisco inglese. “Enormi somme di denaro, estranee alle sue parcelle professionali” che il legale riceveva da Berlusconi.
Il testo pubblicato è quello delle considerazioni conclusive e della decisione della lunga e complessa sentenza….[continua]

Da Cittadino Lex   la notizia qui

Annunci