ABVV6H3CAEWSDIKCAGXPRZ1CAG2IA3BCA5Y162ECAIJM4M9CA1LJ1QHCAHGNHW8CA21CSGFCAX36B6FCAKCW4IDCAMQEWWRCAJSXH55CAOCJ9NCCANUQSQZCAOXNH5GCA9BYE42CAB1ZICKCA7YG7HA

La motivazione: «Ci dispiace, ma non ha presentato la domanda». Il legale: «Ora la presenteremo».

MILANO – Il giudice del Tribunale del lavoro di Milano, Maria Gabriella Mennuni, ha respinto il ricorso presentato da Mohamed Hailowa, marocchino di 18 anni, contro l’Atm (Azienda di trasporti milanesi), nel quale lamentava di non potere essere assunto in base a un decreto regio del 1931 che prevede la cittadinanza italiana o europea per lavorare nelle concessionarie del trasporto pubblico. La motivazione: il ragazzo non ha mai presentato la domanda di assunzione.

ATM SODDIFATTA, L’AVVOCATO RECLAMA – L’Atm esprime «soddisfazione» per l’ordinanza del giudice. «Siamo soddisfatti del risultato – spiega l’azienda in una nota -. Come ampiamente previsto è stato rigettato il ricorso». «A questo punto presentiamo la domanda di assunzione, e vediamo che succede», annuncia invece il legale di Hailowa, l’avvocato Alberto Guariso. Il legale ha aggiunto che lunedì presenterà reclamo contro la decisione del giudice che «contrasta con alcune sentenza della Corte di giustizia europea». «Una volta che l’Atm dichiara in giudizio che non vuole nè può assumerlo – ha chiarito l’avvocato – il giudice deve decidere nel merito, non può tirarsi indietro come ha fatto»…[continua…]

Da Il Corriere della Sera   la notizia qui

Annunci