La Corte di Cassazione con Sentenza n. 8335 del 8 Aprile 2010 ha stabilito che il verbale redatto dall’ispettore del lavoro o dal funzionario dell’Istituto Previdenziale, econtenente i fatti che sono avvenuti in sua presenza, fanno prova fino a querela di falso.

Mentre, le circostanze apprese in conseguenza di acquisizione di documenti saranno valutate dal giudice che può considerarle prove sufficienti dei fatti riportati nel verbale nel caso in cui sia convinto dell’effettiva sussistenza degli addebiti mossi dall’ispettore.

Da Studio Ciocioni   la notizia qui

Annunci