Alitalia, “una compagnia di carta” – La storia dalla parte dei dipendenti lunedì, Mag 25 2009 

stor_15845672_39470

L’1 giugno al Teatro Ghione l’associazione culturale Cogito presenterà
“Tutti giù per aria”, il documentario sulla vertenza degli ex lavoratori.

Le trattative con la Cai, la resa progressiva dei sindacati, i diritti calpestati. Fo: “Non arrendersi”. E l’ironia di Ascanio Celestini: “Tanto questo è un paese di carta…”
di ROSARIA AMATO

ROMA – La vicenda Alitalia vista da un assistente di volo cassaintegrato, uno dei tanti, visto che alla fine i dipendenti rimasti a terra dopo la costituzione della nuova compagnia aerea sono stati diverse migliaia. “Tutti giù per aria”, documentario autoprodotto da alcuni dipendenti dell’ex compagnia di bandiera, con l’aiuto dell’associazione culturale Cogito e la regia di Francesco Cordio, mette insieme mesi di proteste ignorate, di trattative estenuanti che alla fine hanno lasciato l’amaro in bocca non solo a cassaintegrati e licenziati, ma anche agli assunti con il nuovo contratto, a lungo contestato e alla fine accettato per necessità.

Le rivendicazioni delle lavoratrici madri, che in precedenza erano esonerate dal lavoro notturno. La rabbia dei cassaintegrati lasciati per mesi senza alcuna indennità, per la mancata comunicazione della Cai…[continua…]

Da La Repubblica    la notizia qui

Annunci

Diritti aeroportuali, verso regole uguali in tutt’Europa mercoledì, Apr 1 2009 

images

Riguarda tutti gli scali comunitari con traffico annuale superiore a 5 milioni di movimenti passeggeri.

Direttiva 2009/12/CE – GUCE L 70/11del 14.3.2009.

Tutti i maggiori aeroporti comunitari dovranno seguire regole comuni circa i diritti aeroportuali. Il termine ultimo per recepire la direttiva 2009/12/CE pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Europea del 14 marzo scorso è il 15 marzo 2011.

La direttiva riguarda tutti gli scali comunitari con un traffico annuale superiore a 5 milioni di movimenti passeggeri e ciascun aeroporto con il maggior traffico di ogni Stato membro.

In pratica si tratta di una normativa quadro, che sino ad ora non esisteva, nata per regolamentare i principali aspetti delle tasse aeroportuali e le modalità con cui queste ultime vengono fissate, secondo i principi della non discriminazione e della trasparenza.

Infatti, gli utenti dell’aeroporto, che pagano il gestore aeroportuale per l’utilizzo delle infrastrutture e dei servizi connessi all’atterraggio, al decollo, all’illuminazione, al parcheggio degli aeromobili ed alle operazioni relative ai passeggeri e alle merci, dovranno essere trattati tutti allo stesso modo ed avranno il diritto di essere consultati (almeno una volta all’anno) ed informati sulle questioni che riguardano lo scalo (come ad esempio la messa in opera di nuovi progetti di infrastruttura)…[continua…]

Da Azienda Lex    la notizia qui

Alitalia, Cai e sindacati interrompono trattative giovedì, Ott 30 2008 

Cai e i sindacati hanno interrotto questa notte le trattative sull’applicazione dell’accordo quadro in tema di assunzioni e nuove condizioni operative per la Nuova Alitalia.

Lo hanno comunicato con una nota le sigle sindacali. Tra le questioni che hanno portato al ritiro della delegazione Cai dal tavolo negoziale, la riduzione dei permessi sindacali e la cumulabilità dei trattamenti previdenziali.

“Per Cai la trattativa è chiusa”, dicono fonti vicine a Cai. “Alle ore 23,45 del 29 ottobre 2008 dopo 7 ore di riunione relativa ai criteri di assunzione la Cai ha ripreso il confronto dichiarando che i documenti contrattuali relativi al personale di volo e di terra consegnati nella giornata di lunedì 27 ottobre rappresentavano una posizione ultimativa e non si dichiaravano disponibili a una rilettura degli stessi per verificarne la coerenza rispetto a quanto negoziato e sottoscritto a Palazzo Chigi”, si legge nella nota dei sindacati.

“Le OO.SS./AA.PP. nel rilevare l’incomprensibile e improvviso cambio di atteggiamento della delegazione Cai, anche rispetto al positivo e costruttivo andamento della prima parte della riunione, hanno dichiarato che la difformità dei testi consegnati rispetto agli accordi di Palazzo Chigi, rendevano indispensabile una verifica congiunta alla quale Cai si è sottratta, impedendo ogni ulteriore approfondimento di merito e abbandonando il tavolo alle ore 24 dichiarando chiuso il confronto”, conclude il comunicato delle sigle sindacali.

Da Milano Finanza  la notizia qui

Alitalia: comunicato stampa di Giovanni D’Agata lunedì, Ott 27 2008 

Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa di Giovanni D’Agata sul caso Alitalia.

alitalia_-__migliaia_di_cause_interrotte

Alitalia, raddoppia la tassa d’imbarco:l’aumento a sostegno degli esuberi venerdì, Ott 3 2008 

L’addizionale sale a 2 euro: in parte sarà destinata alla occupazione e riconversione del personale del settore.

ROMA – Aumenti in vista per chi viaggia in aereo. La crisi Alitalia si ripercuote sui passeggeri: raddoppia, da uno a due euro, l’addizionale comunale sui diritti di imbarco inclusa nel biglietto. Il rincaro era contenuto nel sub-emendamento all’articolo 2 del decreto Alitalia, presentato al Senato e approvato dall’aula.

DESTINAZIONE – Si tratta di una tassa che in parte va nelle casse dei comuni con uno scalo aeroportuale e in parte al fondo speciale per il sostegno al reddito, alla occupazione e alla riconversione e riqualificazione del personale del settore del trasporto aereo. Ovvero, l’aumento dei biglietti per i viaggiatori servirà per garantire gli ammortizzatori sociali ai dipendenti di Alitalia in esubero.

Da Il Corriere della Sera   la notizia qui

Alitalia: ecco il nuovo contratto Cai venerdì, Set 26 2008 

Cosa cambia dopo il sì di Cgil: le differenze tra la vecchia e la nuova proposta.

MILANO – Anche la Cgil ha detto sì alla proposta Cai su Alitalia. Ma cosa prevede l’accordo firmato per i lavoratori Alitalia e quali sono le differenze tra la vecchia e la nuova proposta?

L’ACCORDO QUADRO – Nella nuova Alitalia la Cai assumerà 12.500 dipendenti scegliendoli tra quelli di Alitalia ed AirOne. Sono 3.250 gli esuberi che avranno ammortizzatori sociali. Il piano 2009-2013 di Cai include anche attività di terra, di manutenzione di linea e leggera, ground handling e servizi amministrativo, informatico. Full cargo e manutenzione pesante saranno esternalizzate e Cai avrà una quota di minoranza. Lock up dei soci Cai per cinque anni e nel caso di quotazione in Borsa, che avverrà non prima di tre anni, c’è l’impegno a mantenere la maggioranza assoluta (maggiore del 51%) del capitale. Elemento qualificante del progetto un partner industriale internazionale con una quota di minoranza non superiore a quella massima riservata agli attuali soci. La capitalizzazione iniziale è di un miliardo di euro e il pareggio operativo è previsto entro due anni.

CONTRATTO AZIENDALE – Vale tre anni ed ha una parte comune e altre distinte per le tre categorie: piloti, assistenti di volo e personale di terra; per la parte non definita varrà la disciplina vigente in Airone. Le sigle che firmano costituiranno una Rappresentanza Sindacale Unitaria (Rsu) per ciascuna delle tre categorie, unica forma di rappresentanza sindacale.

PERSONALE DI TERRA – L’orario di lavoro è di 38,5 ore a settimana, con 26 giorni di ferie, per la retribuzione i minimi tabellari corrispondono agli attuali di Alitalia su 14 mensilità…[continua…]

Da Il Corriere della Sera   la notizia qui

Svolta su Alitalia, raggiunto l’accordo – Torna Air France: quota tra 10 e 20% giovedì, Set 25 2008 

Fumata bianca a palazzo Chigi, arriva anche la firma della Cgil
Veltroni: fatto positivo per tutti Ma resta il nodo degli autonomi

ROMA
Alitalia, la strada è ora in discesa. Dopo ore di trattative, formali e non, i sindacati confederali hanno trovato l’accordo a palazzo Chigi sul piano riproposto dalla Cai con le integrazioni relative ad alcuni punti “caldi” come la questione dei precari. Quindi, non solo Cisl Uil e Ugl, ma anche la Cgil ha detto sì: dopo che era trapelata la notizia, il segretario generale Guglielmo Epifani l’ha però smentita spiegando di voler prima leggere i testi. Poi, l’annuncio ufficiale: l’accordo c’è, e la firma pure.

Ora la parola spetta agli autonomi: il fronte del “no” si riunirà nel pomeriggio per prendere una decisione. Un’apertura al personale di volo è stata fatta da Rocco Sabelli, ad di Cai: avrà garantita l’invarianza della retribuzione. Spetta ora a loro decidere. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta ha fatto sapere che il tavolo sarà aperto fino alle 20. Stamane, Air France-Klm si è detta pronta a rilevare una quota tra il 10 e il 20% di Alitalia: secondo fonti industriali all’agenzia Afp, un portavoce del colosso franco-olandese non commenta questa notizia e rimanda all’ultimo comunicato stampa della compagnia aerea, nel quale si diceva che Air France è disponibile a rilevare una quota minoritaria di Alitalia.

«Nulla è cambiato. Stiamo continuando a osservare la situazione di Alitalia molto da vicino ma non rilasciamo alcun commento. Confermiamo che per noi il mercato italiano è interessante e importante», ha detto Claudia Lange, portavoce corporate della compagnia tedesca Lufthansa…[continua…]

Da La Stampa   la notizia qui

Alitalia, fonti sindacali: “La Cai ritira l’offerta” giovedì, Set 18 2008 

Secondo indiscrezioni, la Compagnia aerea italiana, avrebbe ritirato l’offerta.

La notizia giunge da fonti sindacali mentre è ancora in corso il tavolo tra Alitalia, Cai, governo e sigle sindacali. Ai rappresentanti dei lavoratori, per ora, nessuna comunicazione ufficiale. Fonti della Cai fanno sapere che è “plausibile che la proposta sia in ritiro” ma non si hanno ancora conferme. L’assemblea della societa’ e’ infatti iniziata da pochi minuti, e sembra che ci sia appunto sul tavolo questa proposta di ritiro che pero’ deve essere ancora votata.

L’ultimatum – La Cai attraverso il suo numero uno Roberto Colaninno mercoledì ha lanciato l’ultimatum. L’ok al piano di salvataggio della compagnia deve arrivare entro le 15,50 di oggi. Alle 16 infatti inizierà a Milano l’assemblea della cordata di imprenditori che dovranno decidere se andare avanti oppure ritirare definitivamente l’offerta…[continua…]

Da Tiscali   la notizia qui