Il mobbing è una condotta persecutoria lesiva della salute e della personalità del dipendente giovedì, Giu 20 2013 

download

Cassazione dell’11 giugno 2013

Per mobbing si intende comunemente una condotta del datore di lavoro o del superiore gerarchico, sistematica e protratta nel tempo, tenuta nei confronti del lavoratore nell’ambiente di lavoro, che si risolve in sistematici e reiterati comportamenti ostili che finiscono per assumere forme di prevaricazione o di persecuzione psicologica, da cui può conseguire la mortificazione morale e l’emarginazione del dipendente, con effetto lesivo del suo equilibrio fisiopsichico e del complesso della sua personalità…continua a leggere

Da Legge e Giustizia

 

Annunci

Cassazione: toccare le colleghe non è reato se fatto senza «intenti libidinosi» venerdì, Lug 24 2009 

images

Confermata l’assoluzione ottenuta in appello da un lavoratore straniero, dopo la condanna in primo grado

ROMA – Toccava le colleghe di lavoro. Ma in maniera scherzosa, come modo di fare abituale, senza provare alcune «ebbrezza sessuale» o intenti libidinosi. Per questo la Cassazione ha confermato l’assoluzione di un lavoratore extracomunitario, Kadri O., dall’accusa di violenza sessuale per la quale, in primo grado, era stato condannato ad un anno e due mesi di reclusione (pena sospesa dalla condizionale). In appello, invece, Kadri era stato assolto, il 28 novembre 2008, con la formula perchè il fatto non sussiste.

LA SENTENZA – Il processo era nato dalla denuncia sporta da una collega di Kadri, stanca delle sue mani lunghe. In tribunale era emerso che (come rileva la Cassazione nella sentenza 30969) «Kadri O. era solito praticare scherzi di cattivo gusto toccando le colleghe di lavoro e così ponendo in essere un comportamento di certo poco raffinato e abituale». Tuttavia dalle stesse testimonianze era anche risultato che nel comportamento dell’uomo non era ravvisabile alcune «ebbrezza sessuale» in quanto, toccando le colleghe «non voleva soddisfare la propria libido». Contro l’assoluzione di Kadri O. aveva fatto ricorso in Cassazione la Procura generale della Corte d’Appello di Bologna…[continua…]

Da Il Corriere Della Sera   la notizia qui

Pari opportunità risarcite per le discriminazioni contro le donne venerdì, Apr 17 2009 

imagesxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Duro affondo della Cassazione contro le discriminazioni e le molestie subite dalle donne sul posto di lavoro.

Possono costituirsi in giudizio come parte danneggiata e chiedere il risarcimento (iure proprio), insieme alla dipendente, gli organi delle pari opportunità e il sindacato di appartenenza. Ma non solo. Il molestatore risponde del reato di maltrattamenti…[continua…]

Da Cassazione.net   la notizia qui

Troppi rimproveri sono mobbing – Reintegrata un’impiegata licenziata mercoledì, Mar 25 2009 

Una sentenza della Cassazione dà ragione a una lavoratrice di milano.

images2111111111111111

Alla dipendente è stato anche riconosciuto un danno “biologico” pari a 9.500 euro.

ROMA – Anche ai rimproveri ci deve essere un limite. Almeno a quelli sul lavoro. Infatti, se si eccede sempre contro lo lo stesso dipendente, sul posto di lavoro, costituiscono mobbing e come tale devono essere risarciti. Parola di Cassazione che ha confermato il risarcimento per danno biologico pari a 9.500 euro, a una impiegata milanese che per nove mesi, dal gennaio al settembre 1999, era stata sottoposta dal datore di lavoro a «ripetuti rimproveri orali» davanti ai colleghi di lavoro, fino ad essere pure licenziata.

LA VITTIMA REINTEGRATA SUL POSTO DI LAVORO – Secondo la Sezione Lavoro della Suprema Corte, che ha respinto il ricorso della società Ivm. srl, legittimamente la Corte d’Appello di Milano, ha ordinato la reintegrazione nel posto di lavoro di Anna D., oltre al riconoscimento dei danni da mobbing sulla base «dei rimproveri orali da parte dei superiori che venivano effettuati adottando toni pesanti e in modo tale che potessero essere uditi dagli altri colleghi di lavoro»…[continua…]

Da Il Corriere della Sera    la notizia qui

È reato dire ai dipendenti sei una “mezza manica” giovedì, Feb 19 2009 

imagesrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Rischia una condanna per ingiuria e diffamazione il capoufficio che dice “sei una mezza manica” ai dipendenti.

Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza 6758 del 17 febbraio 2009, ha confermato la condanna nei confronti del Presidente di una cooperativa che aveva mandato una raccomandata a un dipendente nella quale si leggeva: “è penoso constatare l’utilizzo di certi mezzucci da mezze maniche per fregare il proprio datore di lavoro”…[continua…]

Da Cassazione.net    la notizia qui

Presto il reato di stalking o di molestie prolungate martedì, Gen 27 2009 

images1111111111111111112È in Aula alla Camera dal 20 gennaio e si prevedono tempi rapidi.

Ddl Camera 1440-A.

Si stringono i tempi per l’introduzione nel nostro ordinamento del reato di stalking, ossia di molestie prolungate. E’ infatti arrivato in Aula alla Camera, il 20 gennaio, il ddl contro gli atti persecutori, in un testo messo a punto dalla Commissione giustizia sulla base di una proposta del governo e di altre proposte parlamentari.

Lo stalking, dunque, verrà punito sempre a querela di parte, ma è possibile procedere d’ufficio se il reato è commesso nei confronti di un minore o di un disabile e anche quando il molestatore sia stato già ‘ammonito’ dal magistrato. Infatti, prima di presentare querela, la vittima può chiedere al questore di ammonire l’accusato che viene invitato dalla pubblica autorità a tenere una “condotta conforme alla legge”. Se le molestie continuano, il magistrato potrà procedere d’ufficio.

Il testo, inoltre, prevede che il giudice possa intimare all’imputato di non avvicinarsi ai luoghi normalmente frequentati dalla vittima, o quanto meno di mantenersi a distanza. Il divieto può durare fino a un anno. Infine, all’imputato può anche essere vietato di comunicare con qualsiasi mezzo, non solo con la vittima, ma anche con i figli. in dettaglio con l’articolo 1 si inserisce, dopo l’articolo 612 del codice penale, l’articolo 612-bis sotto la rubrica: «Atti persecutori»…[continua…]

Da Cittadino Lex    la notizia qui

Schiavitù costringere qualcuno a lavorare in un circo giovedì, Gen 8 2009 

images1Cassazione 46128/2008.

È reato mantenere le persone in uno stato di soggezione continuativa attraverso lo sfruttamento.

Costringere qualcuno ad esibirsi in attività circensi, anche pericolose, può costare ai gestori dell’attività una condanna penale per il reato di riduzione in schiavitù.

Lo ha stabilito la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione annullando con rinvio la sentenza del Tribunale del Riesame di Salerno che aveva rimesso i gestori di un circo che erano stati arrestati con l’accusa di aver ridotto in schiavitù i membri di una famiglia di bulgari che lavoravano nel circo.

Gli imputati, in particolare, avevano costretto le vittime a totale asservimento alle famiglie degli indagati esercenti attività circense, impedendo loro di allontanarsi dal circo, obbligando alcuni ad entrare durante gli spettacoli in teca trasparente, con serpenti e tarantola, altri ad immergersi in acqua con pesci “piranha”, altri allo smontaggio e rimontaggio della struttura del circo, pulizia e manutenzione dell’area destinata agli spettacoli anche con turni di lavoro di 20 ore, costringendo le ragazze a lavori domestici quotidiani nei veicoli itineranti dei nuclei familiari degli indagati, ed obbligando tutti a seguirli nei loro spostamenti.

Per tali motivi erano stati accusati di riduzione in schiavitù e posti in stato di fermo…[continua…]

Da Cittadino Lex  la notizia qui

Mobbing: in esame il provvedimento sui comportamenti persecutori sul luogo di lavoro mercoledì, Ott 15 2008 

Sono da ricondurre, nell’ambito della definizione di mobbing, tutti quegli atti e comportamenti posti in essere da datori di lavoro, capi intermedi e colleghi, che si traducono in atteggiamenti persecutori, attuati in forma evidente, con specifica determinazione e carattere di continuità, atti ad arrecare danni rilevanti alla condizione psico-fisica del lavoratore, ovvero anche al solo fine di allontanarlo dalla collettività in seno alla quale presta la propria opera”: recita così il primo comma dell’articolo 1 del disegno di legge in materia di mobbing nei luoghi di lavoro, in esame questa settimana in Commissione Lavoro del Senato.

Il provvedimento, di sette articoli, precisa la definizione di comportamento mobbizzante, le conseguenze in termini di danni psicofisici alla vittima di tale comportamento e le procedure che si possono attivare per far valere la responsabilità di chi lo mette in atto ( i superiori, i capi intermedi, i colleghi stessi del lavoratore, vittima della persecuzione).

In particolare le attività di mobbing si sostanziano in atti di ostilità, attacchi alla reputazione, creazione di falsi pettegolezzi, insinuazioni malevole, segnalazioni diffamatorie, attribuzioni di errori altrui, carenza di informative e informazioni volutamente errate, al fine di creare problemi, controlli e sorveglianza continui, minacce di trasferimenti, apertura di corrispondenza, difficoltà di permessi o ferie, assenza di promozioni o passaggi di grado, ingiustificata rimozione da incarichi già ricoperti, svalutazione dei risultati ottenuti.

A coloro che pongono in essere tali atti i comportamenti vengono applicate le misure previste con riferimento alla responsabilità disciplinare. Analoga responsabilità grava su chi consapevolmente denuncia gli atti e i comportamenti di cui all’articolo 1, ancorchè notoriamente inesistenti, al solo fine di trame un qualsivoglia vantaggio.

Il lavoratore che abbia subìto violenza o persecuzione psicologica nel luogo di lavoro e non ritenga di avvalersi delle procedure di conciliazione previste dai contratti collettivi, ma intenda adire in giudizio, può promuovere il tentativo di conciliazione ex art. 410 del codice di procedura civile. Il procedimento è regolato dall’articolo 413 del codice di procedura civile.

Il giudice condanna il responsabile del comportamento sanzionato al risarcimento del danno, la cui liquidazione ha luogo in forma equitativa…[continua…]

Da Il Sole 24 Ore  la notizia qui

Cassazione Lavoro: condotta che configura il mobbing del datore di lavoro lunedì, Set 15 2008 

Corte di Cassazione – Sezione Lavoro, Sentenza 11 marzo – 9 settembre 2008, n.22858: Mobbing

Se è vero che il mobbing non può realizzarsi attraverso una condotta istantanea, è anche vero che un periodo di sei mesi è più che sufficiente per integrare l’idoneità lesiva della condotta nel tempo. Né ad escludere la responsabilità del datore, quando (come nella specie) il mobbing provenga da un dipendente posto in posizione di supremazia gerarchica rispetto alla vittima, può bastare un mero – tardivo – “intervento pacificatore”, non seguito da concrete misure e da vigilanza ed anzi potenzialmente disarmato di fronte ad un’aperta violazione delle rassicurazioni date dal presunto “mobbizante””.

La Cassazione ha così cassato la sentenza d’appello, sostanzialmente confermativa di quella del Tribunale che avevano rigettato le tesi della ricorrente – lavoratrice. In sostanza la Cassazione ha ritenuto che la Corte d’appello non abbia tenuto in considerazione diversi elementi necessari per dare una valutazione complessiva ed unitaria della vicenda, mentre sostiene la Corte: “è necessario che i singoli elementi siano oggetto di una valutazione non limitata al piano atomistico, bensì elevata al fatto nella sua articolata complessità e nella sua strutturale unitarietà”.

Vale la pena di riportare i passaggi salienti della pronuncia che ripercorrono l’orientamento della giurisprudenza di legittimità e del giudice delle leggi in materia di mobbing.

“Il mobbing è costituito da una condotta protratta nel tempo e diretta a ledere il lavoratore. Caratterizzano questo comportamento la sua protrazione nel tempo attraverso una pluralità di atti (giuridici o meramente materiali, anche intrinsecamente legittimi: Corte cost. 19 dicembre 2003 n. 359; Cass. Sez. Un. 4 maggio 2004 n. 8438; Cass. 29 settembre 2005 n. 19053; dalla protrazione il suo carattere di illecito permanente: Cass. Sez. Un. 12 giugno 2006 n. 13537), la volontà che lo sorregge (diretta alla persecuzione ed all’emarginazione del dipendente), e la conseguente lesione, attuata sul piano professionale o sessuale o morale o psicologico o fisico…[continua…]

Da Filodiritto   la notizia qui

Il datore che minaccia i dipendenti può essere allontanato dalla città lunedì, Lug 21 2008 

Cass. II sez. pen. sentenza n. 28682/08

La Corte di Cassazione ha stabilito che il datore di lavoro che sottopone a minacce i propri dipendenti può essere allontanato dalla città in cui ha sede la sua azienda.

Tale comportamento configura il reato di estorsione aggravata e continuata e pertanto l’allontanamento dalla citta’ e’ una misura “adeguata, siccome l’unica idonea a recidere il legame degli indagati con l’ambiente lavorativo”.

In particolare la Cassazione ha affermato: “nel caso in cui il datore di lavoro realizzi una serie di comportamenti estorsivi nei confronti di proprie lavoratrici dipendenti, costringendole ad accettare trattamenti retributivi deteriori e non corrispondenti alle prestazioni effettuate e, in genere, condizioni di lavoro contrarie alla legge e ai contratti collettivi, approfittando della situazione di mercato in cui la domanda di lavoro era di gran lunga superiore all’offerta e quindi, ponendo le dipendenti in una situazione di condizionamento morale, in cui ribellarsi alle condizioni vessatorie equivale a perdere il posto di lavoro, e’ configurabile il delitto di estorsione previsto e punito dall’art. 629 C. p.”.

Da Saranno Avvocati   la notizia qui

Pagina successiva »