I medici che non vogliono denunciare i clandestini mercoledì, Apr 22 2009 

denuncio-180x140

Da Torino a Bari: distintivi sui camici e cartelli multilingue.

MILANO — Medici-obiettori che per rendersi riconoscibili in corsia lo scrivono sul camice: «Io non ti denun­cio». Associazioni di categoria che invi­ano petizioni al governo per rafforzare il proprio «no»: «Quel provvedimento va contro il nostro codice deontologi­co». Regioni che rivendicano la pro­pria autonomia in fatto di sanità, riba­discono le norme in vigore, ne varano di nuove: «Le cure devono essere ga­rantite a tutti nel pieno rispetto della Costituzione e della privacy».

La batta­glia contro il provvedimento che pre­vede la denuncia da parte dei medici dei clandestini è trasversale.

Politica e di categoria. Un rincorrersi di iniziati­ve per fermare il disegno di legge. Per interrompere le denunce: tre quelle re­gistrate prima che la norma sia entrata in vigore. Ma anche per contenere il crollo di richieste di cure da parte de­gli stranieri: dei cittadini sprovvisti di permesso di soggiorno ma anche degli immigrati in regola…[continua…]

Da Il Corriere della Sera   la notizia qui

Ok al decreto anticrisi: aiuti a commercio e turismo. Rimborsi Pa alle imprese lunedì, Gen 12 2009 

piano-anticrisi_324x230

Il decreto anticrisi supera l’esame delle Commissioni bilancio e finanze della Camera.

Ilprovvedimento da lunedi passa all’esame dell’aula. Dopo la maratona nottuna, in cui sono state apportate significative novitá, nella seduta di stamattina si è deciso di procedere con un unico voto su un pacchetto di emendamenti che raccoglie le proposte dei relatori e quelle dei deputati sui quali c’era il parere favorevole del Governo e che ancora non erano state esaminate.

No alla tassa sui permessi di soggiorno. Parere negativo del governo sull’emendamento della Lega che propone il pagamento di 50 euro per ottenere il permesso di soggiorno. È quanto è stato annunciato nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, alla ripresa dei lavori sul decreto legge anticrisi. Difficile anche che vada al voto la proposta, sempre della Lega, di introdurre l’obbligo di una fidejussione da 10mila euro da parte delle società o da da parte dei cittadini stranieri non comunitari che vogliono aprire una partita Iva. L’emendamento risulta ancora nel fascicolo delle proposte «da esaminare», ma le ipotesi in circolazione, a quanto si apprende, sono due: o che il governo dia parere negativo o che il Carroccio ritiri la norma.

Ok alla retroattività sul bonus energia. È salva la detrazione Irpef del 55% sugli interventi per la riqualificazione energetica degli edifici, ma il credito d’imposta sarà spalmato su 5 anni (non più su 3). È stato infatti approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze della Camera un emendamento dei relatori al decreto anticrisi che mantiene sostanzialmente intatto il bonus per il risparmio energetico, confermando la non retroattività delle nuove misure. I lavori delle commissioni dovrebbero proseguire ancora concentrandosi sugli emendamenti che riguardano la cassa integrazione e gli studi di settore…[continua…]

Da Il Sole 24 Ore   la notizia qui

Permesso di soggiorno: la richiesta di rinnovo blocca sine die l’espulsione giovedì, Lug 10 2008 

La richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno può fermare a lungo l’espulsione. Infatti è nullo il provvedimento emesso nei confronti di uno straniero irregolare anche se questo ha chiesto il rinnovo oltre il termine consentito.

Sentenza della Corte di Cassazione n. 18518 del 4 luglio 2008.

Da Cassazione.net   la notizia qui

La nuova modulistica per le domande allo Sportello immigrazione mercoledì, Lug 9 2008 

G.U. 7.7.2008, n. 157 – S.O. n. 161

Il Ministero dell’interno ha approvato le modifiche alla modulistica in essere per la compilazione e trasmissione, in via esclusivamente informatica, delle domande relative ai procedimenti di competenza dello Sportello unico per l’immigrazione.

I nuovo modelli, approvati dal gruppo di lavoro interministeriale, per l’esame e la semplificazione della modulistica in uso, si riferiscono sia all’instaurazione dei rapporti di lavoro, stagionali e domestico che all’ingresso in Italia per ricongiungimento familiare.
Inoltre le novità si estendono anche alla modulistica per i neocomunitari e per gli extracomunitari esclusi dai flussi di ingresso.

Le modalità di invio telematico sono quelle già utilizzate per la procedura dell’ultimo decreto flussi e comporta le seguenti fasi:
– registrazione dell’utente;
– download del programma;
– individuazione del modello di interesse e compilazione;
– trasmissione allo Sportello immigrazione con modalità telematiche avendo in corso una connessione ad internet.

Da Il Sole 24 Ore   la notizia qui